IL TRENO

Un treno in cucina ormeggiato tra il riso carnaroli e
il barattolo (grande) di crema alle nocciole.
Un risotto allo zafferano per noi poveri viandanti che
poco conosciamo della partenza, nebbia invalicabile
l’idea del ritorno. Bisogna perdersi del tutto per avere
una vaga idea del ritorno… E non è detto che sia possibile
tornare…
Poi le guglie, il duomo, Milano? Palazzi a Ferrara?
Una villetta a schiera a Vigevano? Sfrattati, depressi,
sopra una panchina a Domodossola?
La forza strana e verticale della fotografia, riflessi,
elettriche trasparenze, fantasmi onnivori del bilanciamento
del bianco… Temo il grigio 15%… Il pensier m’inganna!
non è la maniglia della porta del treno è la maniglia del
mobile! Biglietto, vagone, occhi immersi in scodelle d’acqua
cotta vedono passare nel vapore della zuppa un convoglio
fantasma…  Qui tutto si cheta è forse poesia un cucchiaio
che pesca viaggio nella minestra?

NESSUNO

La salsedine corrode maschere di corallo
volti Omerici salpano rughe profonde
Ulisse pieno di sale dove Sei?
Come il mare frange in schizzi e schiume
tra ardite scogliere, vibranti sentimenti
frangono nell’acciaio palpebrale della vita.
Vaga l’assoluto il fiore ribelle della montagna,
vergate in silenzi di ossidiana e porfido
mani magiche mimano ancestrali energie.
Non so dove andare, dove restare.
Polifemo il mio nome è nessuno

TRIPITAKA

Meravigliosi tre tiri da tre punti. Tre tiri allo scadere della sirena. Tiri belli come
il Filottete a Lemno dipinto da Abildgaard. Esco, esco molto di rado tra le masse.
Mi trasloco tra piccole abetaie e campi incolti. Incolto, rigoglioso e selvaggio è il
nome che porto. Mi trasloco a piedi e per brevi distanze, anche se nella anfore
pregiate dei miei sogni (recenti) vago spesso sulla sponda meridionale del lago
Tornetrask, costeggiando (a piedi ignudi e con una balla addosso come vestito)
il tratto di ferrovia Kiruna – Narvik. Stelle di diossina, stelle di carbone, lamenti
e crudo sferraglio del bisonte di acciaio che stermina i bisonti di carne, incendia
e lottizza la prateria.
Nei miei sogni (recenti) compro il pane dalla moglie del mugnaio – stregone, che
non è una strega ma una bellissima e sensuale fornaia da i lunghi capelli corvini,
capelli sempre sciolti fino a lambire un culo stravolgente, soda poesia da morsi.
E i suoi occhi, che dire dei suoi splendenti occhi neri… Sono l’incontro tra l’abisso
e il canto delle sirene… Non riesci a non incantarti a guardarli… Occhi profondi e
intriganti più della notte… Notte di ululati e pipistrelli… Notte di empi e bagordi.
Os – oris, penso troppo e non parlo o parlo troppo e non penso. Ha – berakah daberak 
scritta sul collo rotto della vita.
Sergente di plutonio il mio dire, uranio impoverito il mio tacere, mi sento come un 
siamo dirottatore. Un siamo ribelle. Un siamo errabondo e multi – vibrante. Un siamo
logorroico e maledettamente oscillante. Nei miei sogni (recenti) mi leggo come abside
onomatopeica, mi leggo come imbuto senziente. I miei sogni (recenti) meritano come
minimo due punti.. E stalagmiti incendiarie.. Stalagmiti come bombe incendiarie.. Come
piogge di sampietrini su sbirri, spie e infami.. Tifo rivolta – Da sempre..

Si dissaldano ruscelli di parole nel ventre sifilitico di blog  atavico – sensoriali. 

 

Bong Bang dei Sottoscala

Pulsante sul mento

                                                 memento

                                                                 nella segale

                                                                                               la saga di

                                                      s(pargo)

                                                                     p(irotecnici proiettili)

                                     o(rali)

                                                                    r(ovesciando rivoli roventi)

                    c(on)

                            h(ock! Rock!)

                          i(mpertinenti)

                                    animali da bukkake gang paga.

                             Saga della fregna apri il rubinetto

                                                                                                 e spara!

Con il contrabbasso del sollazzo

                                      gode e sperpera il palazzo

                                                                       mentre i poveracci

                                                                                                   persi negli scazzi

                            scraccano la vita

                                  nei sottoscala dei condomini crepe e fattacci.

                                                    Nei sottoscala non si aspira a essere dei Ludwig

                          Rubiner [Indische Opale – Kriminalsonette – Das
himmelische Licht – ecc… Ecc… ] ma si aspira a esser   dei           Galante

                 Gambino

                                 Escobar

                                                   El Chapo Guzman

                                                                         e via dicendo

                                                                                                  via bruciando.

Vaga per la strada un vecchio tipo da puttan tour plaza,

      Cinese – Romena o grassa Nigeriana

           tempi antichi da uno 45 prima le ventimila

                                                                         lire poi si chiava.

Ascolto graffianti dischi nella piaga,

cantico della piega.

Il lupo ulula ma non plagia,

         se cadi in fondo ti butto la pala… Dai su cazzo Arriva oltre, porco deus scava!

Era bello il tipo che alle 9 del mattino iniziava

con il crodino e gin la sua sporca deriva nella

fossa della vita.

Ora è morto.

L’alcol distrugge

e se ne fotte sega! Fine della saga.

 

¾…

I PASSI

Esiste una sintassi motoria del vivere i propri passi
non sono un druido che conosce i segreti dei boschi,
non sono l’inchiostro che elabora ricche e dettagliate
descrizioni. Sono solo quello che sono.
Esoterico è tutto ciò che nasce da dentro, esoterico
è l’antro oscuro che si amalgama con il frusciar
cosmetico della natura.

BINARIO 18

Zampilla un lieve naufragio tra rozze motrici
non deprimetevi, una banana non fa mezzogiorno.
Glaciale tramonto color mostro di Rostov, bella e
crudele la libertà di nevicarsi sul sangue.
Velocità visionaria. Aria. Pittura.
Tu mi volgi al sereno, io persevero tempesta!
Vetrificata tra fragili resti bambini si affanna
di luce la vita. Sieri di biascicate parole vagano
L’oggi tra sbullonate rotaie. Pioverò crudelmente
tra pensiline e vene rattoppate. No! Non scorgo
nessun riparo nel brodo raffermo della tua faccia
acciaccata. Mi scopro a specchiarmi nella bocca
sdentata che mi chiede due spicci. Fisso per un
attimo eterno quello sguardo salmastro, poi senza
dire niente giro a sinistra e vado a cercare il mio
fottuto binario.

AL LAGO

novembre-13-2

ph novembre 2016

“Il sasso scagliato nelle acque frusciò via il silenzio.”

Era una nuvolosa mattinata di novembre, alienata e disoccupata
come molte altre mattine.

(Appartengo alle lettere non lette!
  dimenticate, strappate, bruciate, uccise.
 Incostante annuso la quadratura del cerchio
 Mi configuro una realtà da chiave che gira nella toppa
ungetemi con del buon olio ogni tanto, che cazzo!)

Borbotta il mio stomaco, gira la mia mente come
una porta a vetri (scuri) di un albergo a ore.
Improvvisamente mi incanto a guardare le stringhe
perennemente slacciate delle mie scarpe.
Non si batte più l’incanto! L’asta è finita.
Dal nulla o dal tutto mi ritrovo a pensare alle insegne al neon,
al lago di particolari questo mio essere insegna.
Vago solitario nel ventre di questa strana, sconosciuta città,
città dalle cadenze gotiche, inondata di spettrali architetture.
Le genti che la abitano, che la vivono, sembrano automi, corpi
di solo carne e nervi privati di ogni emozione, di ogni voglia.
Ma la cosa più inquietante di questo agglomerato sono le
insegne al neon, sono dappertutto! Questa massa abnorme di
luce artificiale rende questa città tetra e follemente oscura.
Viaggio alogeno, viatico surreale. Ritorno prepotentemente
alla realtà, inciampo nelle stringhe slacciate e casco per terra
come un sacco di patate, come un ballino di cemento, il tonfo
è uno splash! dato che l’erba e la terra dove casco sono inzuppate
di acqua. Mi trovo a terra il lago a pochi centimetri da me, lo guardo,
mi sembra che in qualche modo rida di me, mi rialzo di scatto, con
fare nevrotico inizio a raccogliere sassi, con rabbia, furore e impeto
gli scaglio contro il lago. Cerco nella mia testa una rapida soluzione
per prosciugare quel lago bastardo. Non trovo nessuna soluzione.
Vaffanculo sporco lago di merda.